La memoria condivisa: voci dal mondo ebraico e armeno

evento la memoria condivisa voci dal mondo ebraico e armeno venezia 22 gennaio 2017

Con grande piacere vi annuncio l’evento “La memoria condivisa. Voci dal mondo ebraico e armeno” che avrà luogo a Venezia, domenica 22 gennaio 2017 ore 16.30 presso l’Auditorium del Conservatorio di Musica Benedetto Marcello.

Da un lato le voci di Gabriele Nissim, giornalista, saggista e storico, presidente di Gariwo – La foresta dei giusti, autore del saggio “La lettera a Hitler” (Mondadori) per la parte ebraica, e di Antonia Arslan, scrittrice e saggista, autrice del bestseller “La Masseria delle Allodole” (Rizzoli), per quella armena; dall’altro, la musica a significare, attraverso due strumenti simbolo, come il clarinetto di Rouben Vitali per la tradizione klezmer, e il duduk di Claudio Fanton per la tradizione armena, come nonostante il genocidio sia viva e profonda la vita delle due comunità, impegnate costantemente nel mantenimento della propria identità.

Io e il giornalista Paolo Navarro Dina, ideatori di questo evento, ci assumeremo il compito di fare da “filo conduttore” nella conversazione tra Gabriele Nissim e Antonia Arslan, mentre i due musicisti cercheranno di ricreare le atmosfere di questi due mondi e di offrire un percorso della memoria fatto di note e sensazioni.

Il progetto nasce dall’idea di creare un “dialogo” tra le voci di due mondi, quello ebraico e quello armeno, che hanno entrambi subito la tragedia del genocidio nel XX secolo, accompagnati dalle musiche della tradizione ebraica e armena, quale momento di riflessione comune sulla memoria.

LA MEMORIA CONDIVISA: VOCI DAL MONDO EBRAICO E ARMENO

Venezia, domenica 22 gennaio 2017 ore 16.30
Auditorium del Conservatorio di Musica Benedetto Marcello
Sestiere di San Marco, 2810 – 30124 Venezia
Tel. 041 5225604

Relatori:
Antonia Arslan, scrittrice e saggista, autrice del bestseller “La Masseria delle Allodole” (Rizzoli)
Gabriele Nissim, giornalista, saggista e storico, autore del saggio “La lettera a Hitler” (Mondadori)

Musicisti:
Claudio Fanton, duduk
Rouben Vitali, clarinetto

Moderatori:
Paolo Navarro Dina, giornalista del Gazzettino, esponente della Comunità ebraica di Venezia
Nadia Pasqual, comunicatrice esperta di cultura armena, autrice della guida “Armenia” (Polaris)

Scarica la locandina dell’evento La memoria condivisa. Voci dal mondo ebraico e armeno.

Evento inserito nel programma generale delle iniziative per il Giorno della Memoria del Comune di Venezia con il patrocinio della Comunità ebraica di Venezia, dell’Unione Armeni d’Italia e del Centro Studi di Documentazione della Cultura Armena.

L’incontro si svolge grazie al sostegno dell’Ufficio veneziano del Consiglio d’Europa che ha concesso anche il patrocinio e la Biblioteca Archivio Renato Maestro della Comunità ebraica di Venezia.

4 thoughts on “La memoria condivisa: voci dal mondo ebraico e armeno

  1. Accolgo con molto interesse questa iniziativa, che negli obiettivi e nelle modalità ha tutta la mia approvazione. Collegare il Grande Male armeno con la Shoah è un momento importante: Spero che ci sia un grande afflusso di pubblico, specie tra i giovani, e che tale iniziativa sia preannunciata con capillarità nelle scuole.
    Grazie a tutti coloro che l’anno organizzata e che vi faranno parte.

    • Cara Sandra,
      grazie per il sostegno e l’incoraggiamento. Ci auguriamo anche noi che l’iniziativa abbia ampia adesione, perché siamo convinti che sia sempre necessario ricordare, tanto più in questi tempi difficili, quali siano le conseguenze dell’odio razziale e della volontà di annichilire chi viene etichettato come “altro” da noi. E pensiamo che sia efficace farlo attraverso la condivisione della memoria legata ai due genocidi più efferati del Novecento, quello degli armeni e quello degli ebrei, che hanno molte similarità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>